KOBE BRYANT, MAMBA E I BAMBINI

KOBE BRYANT, MAMBA E I BAMBINI

KOBE BRYANT, MAMBA E I BAMBINI

Commenti disabilitati su KOBE BRYANT, MAMBA E I BAMBINI

Il campione non c’è più…

Iopessimista scrive questo articolo perché sente la necessità di ricordare, a distanza di un mese, il cestista “mamba” reatino d’adozione, uno dei più forti giocatori al mondo.

Kobe Bryant muore in un incidente di elicottero il 26 gennaio 2020 in California a soli 41 anni insieme alla figlia Gianna Maria di 13 anni.

Piange tutto il mondo…

E Rieti non è da meno a piangerne la scomparsa perché quel campione lo ha visto nascere, sportivamente parlando.

Dal 1984 al 1986 insieme alla sua famiglia e al mitico papà Joe Bryant, tesserato e giocatore di basket della Sebastiani Rieti, Kobe vive a Rieti due anni bellissimi così piccolo ma già con il pallone a spicchi nel pensiero.

Dall’età di 6 agli 8 anni vive e gioca a basket a Rieti seguendo tutte le partite del papà come un’ombra.

Lo ricordano così, il bimbo innamorato del papà Joe Bryant.

Il primo allenatore lo ricorda benissimo così piccolo ma con il pallone a spicchi sempre tra le mani.

Quanti pensieri per gli amichetti di gioco dell’epoca…

E a un tratto svanisce e sale in cielo insieme a sua figlia, in silenzio lasciando un vuoto incolmabile.

E Rieti si sveglia con la terribile notizia così che ognuno cerca di comprenderne l’accaduto.

La parte più emozionante e più bella sono sempre i bambini ed ecco che la classe 1°C della scuola primaria di Vazia Rieti (scuola che frequentò il piccolo Bryant il primo anno) rende omaggio a Kobe e sua figlia Gianna, con la dolcezza che solo un bambino può donare.

Disegnare e colorare il cartellone in foto, ha reso i bimbi partecipi di un qualcosa più grande di essi.

Il numero 24, il simbolo del pallone grande e piccolo composto da spicchi e ali la dice tutta sulla sensibilità che ogni bambino ha nel proprio cuore.

Ringrazio la mia amica Tamara Coderoni che ci ha fornito le foto. Stupende.

Grazie, Iopessimista si sente di ringraziare di cuore le maestre, Carmela e Raffaella, un grazie alla preside Testa Paola sensibile al personaggio e all’amore di tanti bambini verso quell’uomo bandiera, verso il “Mamba” che non vedranno più schiacciare a canestro.

Iopessimista conclude l’articolo con una sua citazione, la parte migliore di un uomo è la dolcezza con la quale accoglie e abbraccia il suo simile.

Related Posts

AZIENDA REATINA DEI PRIMI DEL NOVECENTO

Commenti disabilitati su AZIENDA REATINA DEI PRIMI DEL NOVECENTO

IL LABORATORIO DEL GESSETTO

Commenti disabilitati su IL LABORATORIO DEL GESSETTO

RIETI: FIERA MONDIALE DEL PEPERONCINO

Commenti disabilitati su RIETI: FIERA MONDIALE DEL PEPERONCINO

IL TIMORE DEL GIUDIZIO

Commenti disabilitati su IL TIMORE DEL GIUDIZIO

TRASPORTI DEL FUTURO: QUANDO LA FANTASCIENZA DIVENTA REALTÀ

Commenti disabilitati su TRASPORTI DEL FUTURO: QUANDO LA FANTASCIENZA DIVENTA REALTÀ

GLI AUGURI DALLO STAFF DI IOPESSIMISTA

Commenti disabilitati su GLI AUGURI DALLO STAFF DI IOPESSIMISTA

ANTRODOCO: FESTA D’AUTUNNO

Commenti disabilitati su ANTRODOCO: FESTA D’AUTUNNO

ARCHIVIO DI STATO RIETI: IL PROCESSO KAPPLER

Commenti disabilitati su ARCHIVIO DI STATO RIETI: IL PROCESSO KAPPLER

AGGRESSIONI

Commenti disabilitati su AGGRESSIONI

DEF

Commenti disabilitati su DEF

IL DRAMMA DI AYMAVILLES

Commenti disabilitati su IL DRAMMA DI AYMAVILLES

Create Account



Log In Your Account